* *
*
Villa Orizzonte - Accesskey: h * Villa Orizzonte * *

2011

la memoria privata / la memoria restituita


Da oltre un decennio, la pubblica apertura di Villa Orizzonte si è essenzialmente qualificata come restituzione al territorio di un notevole patrimonio di memoria materiale (insediamento, ambienti, arredi e documenti della dimora di una storica tenuta vitivinicola), sino allora relegata alla chiusa sfera della vita privata e per sua essenza occultata dalle mura domestiche che ne proteggono l’intimità. Nel 2010, in occasione della presentazione del memoriale di Sylvana Guindani Baragiola al XXVI° Premio Pieve, l’incontro con la memoria scritta raccolta presso l’Archivio diaristico nazionale di Pieve S. Stefano (Arezzo) ha ingenerato un stretta collaborazione con l’istituzione italiana. Fondata nel 1984 da Saverio Tutino, essa raccoglie oltre 7000 documenti non destinati alla pubblicazione (diari, autobiografie, epistolari). Ne è nato il progetto congiunto di un Archivio della memoria privata della Svizzera italiana, che ha visto la collaborazione della ASSI (Associazione Scrittori Svizzera Italiana), della AARDT (Associazione Archivi Riuniti delle Donne Ticino) e del Dicastero Giovani ed Eventi della Città di Lugano.


Un fitto programma di iniziative si è protratto per l’intero mese di ottobre: Presentazione dell’Archivio italiano e della sua possibile estensione in rete con la Svizzera, di cui già conserva oltre 200 documenti, da parte della direttrice Natalia Cangi e della sua stretta collaboratrice Loretta Veri; spettacolo Il paese dei diari di Mario Perrotta e Paola Roscioli, tratto dall’omonimo romanzo del medesimo autore, presso il Teatro Foce di Lugano; Stanze della memoria, letture di scritti ambientati a Villa Orizzonte negli scenari loro propri; la mostra I diari di viaggio della famiglia Gansser, a partire da quelli dell’insigne geologo Augusto Gansser Biaggi che allora compiva i 101 anni.




 

Newsletter

Per ricevere periodicamente tutte le nostre novità, inserite il vostro Email nel campo seguente.